Sopravvivere al Natale – Guida Pratica

La sottoscritta è reduce da 6 pranzi in spirito natalizio e Natale deve ancora iniziare. Ma d’altra parte il Natale è una maratona. Non puoi pensare di arrivare vivo alla cena della vigilia e al pranzo del 25 senza una buona preparazione di base, no? Per questo ci sono i pranzi con i colleghi e gli amici!
In ogni caso il Natale significa cibo, regali brutti e parenti che invadono la casa. Quindi come fare a sopravvivere a tutto questo?
Giusto per informazione, questa sarà una guida semi-seria. Il che significa che ci sarà un sacco di ironia e sarcasmo ma anche qualche consiglio utile nel mezzo.

Sopravvivere al Natale – Il Cibo

Non c’è dieta che tenga a Natale. Che tanto per la nonna sei sempre sciupato. A Natale si deve mangiare. Sempre. Di più. Qualcuno comincia con la vigilia. Spesso in realtà tutto Dicembre è fatto di cibo. Dagli aperitivi pre-natalizi ai pranzi aziendali, passando per gli “spuntini” ai mercatini.

Quest’anno ho deciso di alzare bandiera bianca e di seguire la corrente. Panta Rei, no? Anche se non so se Eraclito intendesse proprio questo, quando parlava di filosofia del divenire.
Per cui la mia dieta è assolutamente in pausa fino al 6 Gennaio, ma cercherò di limitare i danni quando possibile.

Sopravvivere al Natale - Capitolo Cibo

“Mangia un biscotto a Nonna che stai sciupata”

  • Cercherò di fare un “digiuno ad intermittenza“. Ho mangiato tantissimo a pranzo quindi salto la cena. Più che altro perché di solito sono ancora piena del pranzo
  • Non proverò neanche a pensare di evitare dolci o snack. Sono una persona molto debole.
  • Tè e acqua frizzante mi fanno pensare di essere più piena di quanto sia in effetti. Ed è importante bere e restare idratati
  • Eviterò i condimenti tipo maionese, salsa bbq e queste cose qui. Olio e burro invece saranno parte integrale dei miei piatti e delle mie tartine
  • Cercherò di non strafogarmi di antipast… AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHA. Come se fosse possibile. Come se non avessimo chiarito il fatto che sono una persona debole
  • Farò delle passeggiate per muovermi un po’ e cercare di consumare un po’ di calorie ingerite. Cosa che non funzionerà mai, a meno che non decida di fare un giretto sul K2. E per altro più che camminare a natale si rotola, quindi…
  • Limiterò i miei abbuffamenti alla vigilia e al pranzo di Natale. E il 26 che sono da mia zia. E il 27 che c’è il compleanno di un mio amico. E il 28 che dobbiamo finire gli avanzi del 24 sera che c’è gente che muore di fame. E il 30 che provo le ricette per il 31. E il 31 che è fine dell’anno e c’è il cenone a buffet. E il primo che un po’ di cotechino non lo mangi? Quindi sì, il 29 Dicembre potrei riuscire a stare attenta

Che poi siamo a Natale, fa freddo, quindi prendere quei due o dieci chili per affrontare l’inverno è tutta salute.

Sopravvivere al Natale – I parenti

“Ma quanto sei cresciuta!” ti dicono, anche se ormai ai 30 anni e sei abbastanza convinta che la tua fase di crescita sia finita almeno un decennio fa.
Ci saranno baci e abbracci. E ci saranno sempre quelli  che “due baci no che sono le corna” che aumentano la tua agonia.
E poi arriva l’interrogatorio.

  • Ma l’università?” – L’ho lasciata sette anni fa. Sono abbastanza convinta che abbia finito quell’esperienza della mia vita
  • Ma il lavoro?” – Giuro che non mi definisco freelance a caso: è davvero un lavoro anche se un po’ “diverso”
  • Ma il fidanzato?” – Stendiamo innumerevoli pietosi veli, grazie

E in tutto questo io sono anche un’introversa, quindi ho bisogno di avere tempo da sola per ricaricarmi. Voglio stare sotto una coperta a guardare Netflix! Presente Netflix and Chill? Ecco, però da sola!
Come fare a difendersi dall’orda di invasori quindi? Lasciate ogni speranza!

  • Se avete un tablet installate l’app di Netflix e, appena possibile, rifugiatevi in bagno. Il bagno è il luogo perfetto per rilassarsi un attimo. Parola di ogni persona ansiosa che si rispetti
  • Fingere di star male può essere un’arma a doppio taglio. Può funzionare per andare via prima da qualche parte, ma potrebbe anche essere un modo per attirare attenzioni.
  • Cercate di tenervi un giorno, tra Natale e Capodanno, da passare in tranquillità. Serve per ricaricare le batterie
  • Ricordatevi che il Natale viene una volta l’anno! Ripetetelo stile mantra! Funziona!

Sopravvivere al Natale – I Regali brutti

Regali di Natale Brutto

Indovina il regalo brutto! E’ il tuo!

Una delle certezze del Natale è che arriverà almeno un regalo brutto. Una cravatta con le luci? Una sciarpa color verde vomito? Un pigiama Irge? Il Dvd delle Avventure di Peppa Pig? Chi può saperlo. Ma devi essere stoico!
Ricordatevi che dietro ad un regalo brutto c’è comunque una persona che ci tiene. E poi poteva andare peggio. Pensaci. Potevano regalarti “50 sfumature di Grigio”. Non ti senti già più fortunata?
Non sai bene perché la persona del regalo vede i dvd di Peppa Pig e pensa a te, ma comunque non importa. E’ un regalo fatto col cuore. Tutti sono regali fatti con il cuore. Tranne quello di Matteo: Matteo è semplicemente uno stronzo.

E comunque c’è sempre l’alcol!

The following two tabs change content below.

Acrossnowhere

Genova a Acrossnowhere
Nel 1999 mi hanno regalato un computer e una connessione ad internet e la mia vita è cambiata. Per lavoro mi occupo di SEO e Social Media Marketing. Nel mio tempo libero faccio la nerd e scrivo.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *