5 Consigli per una Grigliata Fantastica

Torna la Primavera e si apre la stagione della grigliata. La Pasquetta apre ufficialmente le danze! Quindi prepariamo la carbonella e la griglia: è arrivato il momento di darsi da fare. Mettiamo dei pantaloni comodi, perché ne avremmo bisogno.

1. La Marinatura è vostra amica

La marinatura è il metodo migliore per aumentare il gusto e il sapore della nostra grigliata. Anche una semplice marinatura di olio extra-vergine di oliva, limone e peperoncino può davvero esaltare il sapore della carne. Birra, Arancia e Salsa di Soia funzionano molto bene: danno molto gusto senza togliere il sapore naturale della carne.
E ricordati: prima di metterla la carne sulla griglia è bene asciugarla bene. Non dimenticare il sale, che è meglio mettere all’ultimo.

Il Consiglio in più: Per creare degli ottimi Hot-Dog, fai una marinatura di ketchup, salsa di soya e peperoncino. Incidi i wurstel in modo che possano davvero assorbire la marinatura.

2. Non dimenticare la carta stagnola

Una delle cose che mi piace di più da fare sulla griglia sono i tomini. Metterli direttamente sulla griglia però non è una buona idea. Avvolgerli nella carta stagnola, lasciando solo la parte superiore scoperta, li fa cuocere in maniera perfetta.
La stagnola funziona alla grande per fare il pesce al cartoccio e per la “rosticciata”, un mix di patate, cipolle, peperoni. La rosticciata ci mette un po’ per cuocere, ma la pazienza in questo caso è una virtù.

3. Anche i vegetariani possono godersi la grigliata

Quando si pensa al barbecue si pensa subito a carne e pesce, ma anche i vegetariani possono godersi una bella grigliata senza problemi. Il formaggio si presta perfettamente e ci sono tantissime meravigliose verdure che si possono grigliare senza problemi. Non dimentichiamo poi tofu e seitan.
E poi non si può dimenticare che ananas e pesche sulla griglia sono semplicemente grandiosi, specialmente se accompagnate a della panna o a del gelato.

Il consiglio in più: gli spiedini di verdura sono semplicemente ottimi. Ancora di più se ci si aggiunge un po’ di formaggio, anche se questo richiede della lavorazione in più (bisogna prima grigliare le verdure, poi assemblare gli spedini, prima di rimettere sulla griglia per qualche secondo).

4. La cottura è importante

Quando grigliamo all’aperto controllare la temperatura è impossibile, per questo restare dietro alla cottura è fondamentale. Prima di tutto bisogna preparare la brace e portarla ad una temperatura adeguata: di solito si inizia a preparare circa 45/60 minuti prima di mettere la carne a cuocere.

La carne di maiale (molto grassa) e quelle di pollo hanno bisogno di temperature più basse, quindi è bene tenerle più in alto. La stessa cosa vale per le verdure e il pesce che comunque conviene cuocere nella carta stagnola. La carne di manzo invece richiede più caldo, quindi la griglia più vicina al fuoco è meglio.

5. Aspettate un minuto… o anche due

Una volta che la carne è cotta e tolta dal fuoco, lasciamola riposare un paio di minuti. In questo modo la carne risulterà più morbida, perché i succhi si distribuiranno con uniformità.

Altri consigli sparsi

  • La griglia deve essere pulita, leggermente calda ed oliata
  • Non mettete a grigliare la carne fredda. Togliere la carne dal frigo circa un’oretta prima di cuocerla significa evitare un cambio di temperatura troppo brusco
  • Per pulire la griglia usate mezza cipolla, infilzatela con una forchetta e passatela sulla griglia… la farà splendere
  • Hai mai provato i MarshMallow sciolti sopra il fuoco di una griglia? Diventano tutti filamentosi. Sono ottimi!

Ricorda che grigliata significa anche amici, relax e natura, per cui non ti stressare troppo. Goditi la giornata!

The following two tabs change content below.

Acrossnowhere

Genova a Acrossnowhere
Nel 1999 mi hanno regalato un computer e una connessione ad internet e la mia vita è cambiata. Per lavoro mi occupo di SEO e Social Media Marketing. Nel mio tempo libero faccio la nerd e scrivo.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *